12 dicembre 2007

“PRECETTARE” che parolaccia!

Aiaa, ministro Bianchi, cosa mi combina con gli autotrasportatori?
Siamo alle minacce … che brutta dichiarazione:
“ convocati solo se revocano il blocco … i fermi sono illegali e vanno rimossi”. Terribile, lei mi sembra Silvio.
Ieri mi ha “PRECETTATO(da Wiki: comando o divieto di compiere una data cosa che assume la forma di un comando […]), come ai vecchi tempi.
Sig. Ministro non siamo più in guerra e gli autotrasportatori non sono arruolati!
Dunque, lo sciopero è illegale e la forma è sbagliata.
Ma questa ondata di perbenismo e civiltà, sta forse suggerendo/obbligando di accettare incondizionatamente ogni NON proposta al tavolo della trattativa??? Io credo di si!
Gli autotrasportatori devono andare a casa subito, senza niente in tasca e sperare in un perdono del ministro. Amen.
La forma di perdono del ministro sarà di grande stile, legale, e sicuramente perbenista! E questo è sicuro!
Nel frattempo, oggi, il fantastico Fassino si accalora per i diritti della Birmania!
Ma dove vai Fassino?? Con i colleghi “eleganti” che ti ritrovi, c’è poco da indignarsi con la Birmania!
Intanto mi preoccupa una campagna propagandistica mirata a istigare il cittadino contro il lavoratore che chiede i suoi diritti.
Vorrei ricordare che i cittadini non moriranno di fame. Non sarà la fine del mondo se per qualche giorno andrà a piedi. Non è indispensabile trovare tutto al supermercato. Un pò di moto e di dieta non farà male!
Il cittadino deve essere sempre solidale con chi chiede il rispetto del proprio lavoro. Il cittadino deve ricordare che è anche un lavoratore.
È probabile che si stia cercando di attuare a occidente, trattamenti lavorativi adottati in Asia.
Il ricatto è sempre lo stesso, la perdita del posto di lavoro!
O così, o stai a casa.

Nessun commento: