10 maggio 2011

Umberto Bossi: “la lega ha quasi in mano il paese” - Fini è uno stronzo”.

Inconfutabile eleganza governativa del centro destra
Di Sabina Barca
VARESE – Il Senatur equilibrista (link), somiglia sempre di più al suo collega “cento ne dice e manco mezza ne fa” premier, e in ogni occasione affanna rimarcando la posizione dominante della lega rispetto il Pdl.
Oggi in occasione di un comizio in provincia di Varese, il leader del carroccio ha dichiarato: “Diciamo la verità, la Lega ha quasi in mano il Paese: Berlusconi può fare, ma deve avere l'accordo della Lega – e precisa - Non siamo scemi, un governo tecnico ci fa arrivare tutti i clandestini del mondo”. 

Rafforzativo alle chiacchiere che lamentano una lega sempre più asservita al volere giudiziario del p.d. consiglio

Fini: “uno stronzo”
Riferito a Fini e alla sua dichiarazione per cui Bossi, in occasione di un comizio bolognese, avrebbe onorato l'inno di Mameli per opportunismo elettorale, risponde: “uno stronzo – aggiungendo - l'importante è che noi prendiamo i voti e lui no". Volendo, in linea si potrebbe esclamare: “così impari, cicabumba!”
Non ha perso occasione di sparare a raffica ad un comizio a Brebbia (VA) dove ha replicato: "No! Io preferisco 'Il Piave mormorava', me l'insegnavano quando andavo alle elementari. Quella è una zona dove ci sono stati molti giovani morti sul Piave. Quella è una zona dove ci sono stati molti giovani morti sul Piave. Quindi si capisce tutto”.
A questo punto, per linguaggio scurrile e gestualità troglodita, si riconferma ai primi posti, a pieno titolo tra i politici più maleducati della nostra storia, a cui è consentito/giustificato qualsiasi sproposito.

Incatenato a Berlusconi (link)
Un paletto fisso è l'alleanza con Berlusconi infatti consolida: “Berlusconi è Berlusconi e il mio alleato è lui (link)" messaggio tassativo per la base che si vuole libera dall'inciucio berlusconiano.
Il messaggio energetico incarna la lega dominatrice della politica nazionale ed estera. Un 12% che detta regole a suo uso e consumo, che è l'emblema di una politica isolazionista, che nel suo statuto, all'art. 1, persegue la secessione dal paese Italia, che auspica confini dal Po in giù e predica la sua non appartenenza alla patria, che rinnega e disconosce l'unità della nazione, che fa proseliti per una politica protezionista a favore del nord sconfessando economicamente e politicamente il sud, e dulcis in fundo rifiuta inno nazionale e tricolore, ha la pretesa di impersonare il bisogno della nazione Italia (link).
Un 12%, oligarchia dei tempi moderni, sempre più ad immagine e somiglianza, per modus operandi, al socio Pdl imposta dichiarazioni che spesso sono una vera discrasia. La mattina si dichiara una cosa e la sera si corregge il tiro; mentre la base chiede altro, lui impone un dictat, vera imposizione della leadership nordista.

La magistratura nel verbo bossiano
Nell'infinita delicatezza di un rinoceronte tramortito, riferito alla magistratura dichiara: “non sono tutti stronzi – proseguendo con - Io non parlo di magistrati perché ce n'è qualcuno stronzo, ma non si può dire che siano tutti stronzi. Qualcuno sicuramente farebbe bene a fare un altro mestiere, però insomma – e riferito alla Commissione di inchiesta risponde – esagerata – replicando - Non rispondo, non so cos'è".
Si potrebbe aprire una lunga ed articolata disquisizione sulla parola abusata “stronzo (link)”, o un'analisi del linguaggio da 1 media utilizzata, però, visto che l'eleganza istituzionale non è acqua e neppure lambrusco, possiamo prendere atto che, in questo paese, il nuovo risorgimento è improbabile in quanto, al momento, vige e impera il medio evo. W l'Italia!(link meraviglioso)
PUBBLICATO DA:  AgoraVox



OkNotizie Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.

Nessun commento: