09 gennaio 2012

Lega nord. Rimborsi elettorali investiti in Tanzania Cipro e Norvegia

Neppure inglesi; scrivere in padano please
Di Sabina Barca
GENOVA – Trattasi di quattrini provenienti dal finanziamento pubblico dello Stato Italiano ai partiti ovvero rimborsi elettorali, i milioni di euro investiti in fondi, titoli di Stato, valuta straniera che il Carroccio ha movimentato tra il 23 e il 30 dicembre scorso. A darne la notizia Il Secolo XIX.
Gli investimenti si distribuiscono in tre trance: Tanzania con 4,5 milioni, Cipro 1,2 milioni e circa un milione di euro in corone norvegesi.
Il primo investimento è Cipro con 1,2 milioni di euro che la Lega utilizza per l’acquisto di quote del fondo “Krispa Enterprise ltd” di Larnaca, città turistica al confine con Cipro Nord. Ma il più azzardato sicuramente sono i 4,5 milioni di euro in titoli di Stato della Tanzania in cui è coinvolto Stefano Bonet, lo stesso interessato da un fallimento societario nel 2010, in affari con l'ex ministro Aldo Brancher.
Punto di partenza delle operazioni è il segretario amministrativo federale Francesco Belsito, ex sottosegretario alla Semplificazione, residente a Genova.
Le banche interessate nelle operazioni sono il Banco Popolare e Banca Aletti liguri. I “movimenti-base” vengono gestiti con conti correnti ordinari nelle varie filiali, mentre i movimenti “straordinari” sono organizzati da Banca Aletti; sistema di private e investment banking dello stesso Banco Popolare.
Negli ultimi sei mesi i conti liguri hanno trasferito circa 700 mila euro in altri conti della Lega Nord. Emessi 450 mila euro in assegni circolari. Belsito ha ritirato in moneta contante quasi 50 mila euro (pensare che un pensionato deve rendicontare il contante della pensione).
A metà dicembre scorso iniziano i movimenti più importanti. 7,7 milioni di corone norvegesi (circa un milione di euro) vengono vincolati per sei mesi a un interesse del 3,5%.
Precisa G. Marri del Secolo XIX: “Il fatto curioso, che emerge immediato, è che in quegli stessi giorni investire in Bot o Btp era più conveniente”.
Palese che, alla fine del 2011, è stata avviata una serie di operazioni finanziarie che interessa lo svuotamento della dotazioni consegnate a Banca Aletti da Belsito. Per direttiva del Carroccio, Belsito sposta quasi otto milioni di euro in una decina di giorni.
Lega Nord. Dr. Jekyll e Mr Hyde. Le curiosità
Si può definire una Lega Dr. Jekyll e Mr Hyde. Non sono nazionalisti e proclamano difesa assoluta al nord, ma allora, perchè non investono nel “laborioso nord”? Non sarà che conoscendo lo stato in cui hanno ridotto il paese ritengono più affidabile l'Africa nera? Perchè privare i militanti delle risorse del partito?
Purtroppo, la notizia, evidenzia una certa ingordigia di denaro dei vertici leghisti che, sciaguratamente non conosce turnover da più di 20 anni.

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.

Nessun commento: