04 aprile 2012

Lega Nord. Il momento è catartico a tratti divertente

Di Sabina Barca
Ecco la Roma ladrona che gli si rivolta contro. Quasi a dire che chi di Roma ferisce, di Roma perisce. La triste soap opera politica italiana è meglio di “un posto al sole”. Anzi la storia dell'ultimo ventennio italiano la si potrebbe intitolare “un posto a Roma”. Certo, perchè tutte le strade portano alla città eterna succulenta e lussuriosa. La storia inizia così:
C'era una volta un partito tanto vergine ma così tanto vergine, che nel tempo si convinse di essere eterno. ll partito si chiamava Lega Nord, per gli amici Carroccio.
Era un partito di urlatori ruttatori. Amavano le parolacce gestacci e travestimenti; si coprivano il capo con le corna. Era un partito con la “durezza” in corpo. A loro piaceva radunarsi nei pratoni e bere l'acqua delle ampolle. Detestavano il sud del mondo e sbavavano per il nord del pianeta. Si sentivano forti puri e tanto nordici e indubbiamente vergini nell'animo.
Nel tempo però, lo spirito mutò. Divennero presuntuosi e arroganti forti del potere conquistato. Iniziarono a comportarsi tipo una santa inquisizione.
Il suo leader, tale Umberto Bossi, aveva coniato una frase da battaglia: “Roma ladrona”.
Per anni la frase fu urlata in faccia a tutti senza pietà. Ma era contento perchè eccitava tanto.
Gli anni passarono e nel tempo crebbe la fama del puro partito.
Se non fosse che un bel giorno, arrivò un uomo terrone di nome Belsito. Nella sua benevolenza, il Carroccio accolse l'ometto, piccolo grosso e scuro e in un momento di debolezza gli affidò l'anima del capitale dell'intero partito e divenne il tesoriere Belsito.
Alcuni dirigenti del partito, casto e puro, usavano interrogare lo specchio del nord: “specchio delle mie brame chi è il più vergine del reame?” e lo specchio rispondeva: “siete voi i più vergini del reame... ma quell'uomo del sud bene non fa”.
Come luogo comune vuole, i terroni rubano e sono delinquenti. Ah, quale disgrazia averlo accolto. Fu così che il tesoriere Belsito (ora ex) proseguì il fai e disfa solitario e stravagante. Un po di denaro in Tanzania e quanto basta a Cipro.
Ma tre odiosissime procure si accorsero di lui e decisero di ordire un complotto contro il partito del nord. La Procura di Milano, Napoli e Reggio Calabria si misero a lavorare intensamente e partorirono la maledizione secolare: “appropriazione indebita e truffa aggravata ai danni dello Stato per la gestione dei rimborsi elettorali del movimento”.
L'orribile accusa travolse il partito dei vergini. Ci fu il macello. Si iniziò a parlare di soldi profusi al capo Bossi per ristrutturare la modesta abitazione e crescere “nell'istruzione” i pargoli adorati.
Si disse che qualcuno, con premeditazione, pagò nascostamente i conti di alcune ristrutturazioni edilizie della casa del capo Bossi. Non poteva che essere il pagatore sfrenato della notte, per giunta invisibile, che correva da nord e sud dell'Italia per pagare case e opere edilizie altrui, allo scopo di seminare discordia e malignità (il pagatore sfrenato invisibile è terribile. È ricchissimo e lascia segni indelebili del suo passaggio... paga tutto quello che gli capita per puro sadismo).
Il Tesoriere Belsito, costretto dagli eventi, si dimise accollandosi ogni colpa. il resto del partito si adoperò in spiegazioni e difese dovute. L'incombenza gravosa del movimento era convincere  le streghe-procure del nord-sud-centro dell'ovvio inganno.
Bossi, combattivo, non si fece intimidire e con forza si cimentò nella difesa della verginità del partito: “vogliono colpire la Lega e quindi colpiscono me – denuncerò chi ha utilizzato i soldi della Lega per sistemare la mia casa” disse rabbioso.
Fu così che la cattiveria si abbatté sull'ignaro Carroccio immacolato. Nessuno poteva prevedere il triste destino. Nessuno poteva prevedere l'orribile uomo vagante e ricco affetto da pagamento compulsivo.
Oggi il partito del nord sta affrontando una delle difese più importanti della sua esistenza. Forse cambierà capo. Forse le tre procure del nord-sud-centro non tormenteranno moltissimo, ma una cosa è certa, la storia vera del partito del nord è iniziata adesso ed è tutta da scoprire.
 

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.

Nessun commento: