19 ottobre 2012

Arrivato ordine di carcerazione per Sallusti!

Di Sabina Barca
Pare uno sceneggiato a puntate la possibile carcerazione di Sallusti. Oggi il Giornale.it pubblica l'effettiva ricezione dell'ordinanza di carcerazione di Sallusti.
Si scatena la delusione del direttore, che con amarezza scrive: “la speranza che la politica fosse capace di trovare una soluzione sta naufragando per mancanza di volontà e di capacità” e speranzoso, cercando appiglio rilancia: “Faccio un ultimo appello alla politica di interrompere questa sceneggiata che ha messo in piedi con la scusa di evitarmi dal carcere, cosa per altro da me non richiesta”.
Certo che anche se non richiesta, forse un minimo di dovuto, se lo aspettava.
Probabilmente la preoccupazione di Alessandro Sallusti era la stessa che ha manifestato la sua compagna Daniela Santanché quando ha chiesto a gran voce le dimissioni di tutta la dirigenza Pdl.
Richiesta che Angelino Alfano ha interpretato come odiosa e "sfascista".
Insomma, per la coppia un vero due di picche.
Forse vissuto come una sorta di volta faccia o di abbandono cresce l'angoscia del mancato aiuto: “io non chiedevo una legge ad personam, ma che venisse ripristinata una banale legge liberale che per le opinioni nessuno può andare in carcere. - e spiega – Così non è, ma è peggio. Perché in questi giorni, discutendo in Parlamento di questa legge, c'è chi ha inserito un codicillo che permette ai presidenti delle Province di candidarsi alla Camera o al Senato e capite bene che di fronte ad atteggiamenti del genere non posso permettere che la politica più cialtrona si nasconda dietro a una legge di libertà e dietro al mio nome".
Sono parole di amara delusione quelle di Sallusti.
Lui che da sempre ha difeso ogni assurdità del Pdl, lui che ha promosso e ha creduto nel verbo di quel partito, proprio lui è abbandonato.
L'articolo, oggetto di attenzione della procura, riguardava la notizia di un fantomatico giudice che aveva costretto ad abortire una minorenne. Cosa che nel tempo si rivelò falsa.
A scrivere la falsità fu l'On. Farina (Pdl) che furbamente firmava con pseudonimo e solo dopo mesi e giorni di discussione ha confessato la sua responsabilità. Anche in quel caso, Sallusti, ha taciuto e coperto l'onorevole assumendosi la responsabilità da direttore, fedele come pochi.
Stizzito conclude Sallusti: “Ci sono tanti italiani in carcere, uno più o uno meno non credo che questo possa cambiare le sorti del Paese”.
Però la sua sorte è cambiata di parecchio. Sembra ieri che nelle trasmissioni di Santoro parlava forte del precedente Governo, approvando e credendo a tutti i misfatti di quelle persone che oggi, neppure per riconoscenza, sono corse in suo aiuto.
Sallusti al momento è pronto ad entrare in carcere per quella che pare una triste storia di tradimento e vigliaccheria che al momento gli costerà 14 mesi di reclusione,
Chissà, forse il carcere, sarà la fortuna della sua vita.
Molti Vip hanno scritto dalla prigione, compreso Sofia Loren... e i libri sono stati un gran successo.

Una nota: è interessante come la notizia sia bypassata dai colleghi giornalisti … c'è puzza di rivalsa nell'aria.

 Licenza Creative Commons
ripuliamoci by sabina barca is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at ripuliamoci.blogspot.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://ripuliamoci.blogspot.it/.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

era ora...giusto o sbagliato non importa...non era possibile sentirlo nei dibattiti...bisognava cambiare canale...era un insulto all'intelligenza....

Anonimo ha detto...

Certamente ce ne faremo una ragione e se sarà ospitato in un carcere vicino, gli porteremo le arance.
Calimero

Gengis Kan ha detto...

Spero che gli faccia l'effetto di una purga.
Normalmente la purga libera l'intestino dagli intasamenti dovuti a cattiva alimentazione.
La detenzione gli libererà il cervello dalle sue cattive abitudini di pensare e scrivere SPORCIZIA sugli altri.
Amen.

Sabina Barca ha detto...

davvero insopportabile