25 ottobre 2012

La scienza cialtrona. Bibita zuccherina danneggia il cervello femminile.

Di Sabina Barca

A detta del sotto riportato articolo una, non ben nota, equipe di scienziati di Osaka, (Giappone) dichiara che lo zucchero presente nelle bevande aumenta il rischio di ictus FEMMINILE dell'80%. Pare, che lo studio DURATO 18 ANNI, confermi un altra fantasmatica ricerca statunitense.

Ma è possibile che i giapponesi, per 18 anni, si siano concentrati così tanto sulla bevanda zuccherina, investendo tempo e denaro, per dimostrare l'aumento di ictus femminile?
Ed è altrettanto possibile che lo studio abbia dimostrato in contemporanea che il cervello maschile ne è quasi immune?

Se davvero esiste una scienza di genere o del genere, speriamo non sia questa.

Recentemente il Corriere.it portava all'attenzione il problema delle false pubblicazioni scientifiche, considerate frodi scientifiche, senza alcun controllo. (VEDI ARTICOLO Corriere.it)

Ciò che emerge dall'articolo, è la volontà, e non l'errore involontario, di divulgare notizie false per ottenere finanziamenti, carriere e visibilità per favorire alcuni ricercatori senza scrupoli.

Nel frattempo, la ragionevolezza si contrappone alla inverosimile scienza e suggerisce che, le bibite zuccherate fanno male comunque a tutti, maschie e femmine, grandi e piccini, in quanto l'incremento di calorico favorisce l'aumento di peso.

E questo è un dato che anche le nostre care nonne sapevano, anche se carenti di nozioni scientifiche.

ECCO L'ARTICOLO (FONTE)

Le donne che bevono anche solo una bibita gassata zuccherata al giorno, aumentano il rischio di essere colpite da ictus. Lo zucchero accresce le probabilità della formazione di un coagulo di sangue nel cervello. E la percentuale è sconvolgete: 80 per cento in più di probabilità rispetto a chi non beve simili bevande. Questo per le donne, per gli uomini il rischio è minore.

Questi i risultati di un team di esperti dell'Università di Osaka, che in parte confermano le conclusioni di ricerca statunitense pubblicata all'inizio di quest'anno. Lo studio giapponese ha analizzato nel dettaglio il legame tra il consumo di bevande gassate e la probabilità di formazione di coaguli di sangue nel cervello.

Il team di Osaka ha monitorato quasi 40.000 uomini e donne di età compresa tra i 40 e i 59 anni su un periodo di 18 anni, documentando le abitudini alimentari, tra cui il consumo di bevande analcoliche zuccherate e gassate. Durante questo periodo, quasi 2.000 dei volontari sono stati colpiti da ictus.

I risultati, pubblicati sull'American Journal of Clinical Nutrition, hanno dimostrato che le donne che bevono un bicchiere al giorno di tali bevande, riscontravano un aumento percentuale dell'83% nelle probabilità di essere colpite da ictus ischemico - in cui un coagulo blocca il rifornimento di sangue al cervello. Questo rispetto alle donne che non consumano simili bevande.

N.B. Sono sempre più frequenti le notizie di ricerche scientifiche tendenti al misogino



ripuliamoci by sabina barca is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

Based on a work at ripuliamoci.blogspot.it.

Permissions beyond the scope of this license may be available at http://ripuliamoci.blogspot.it/.

1 commento:

nickname ha detto...

adesso capisco perché mia cognata è così