31 ottobre 2012

Quando Grillo spacca le ovaie

Federica Salsi M5s
Di Sabina Barca
l'Italia intera ieri sera sì è stupita di vedere quel bel musetto di cittadina del Movimento 5 Stelle a Ballarò. Alla maggior parte degli spettatori è balenata la domanda: “Grillo ha cambiato idea? Permette di partecipare alle trasmissioni? Manda una donna in trasmissione??”
Ma allora è andato avanti nel frattempo!
Invece no! La storia è diversa.
La consigliera comunale Federica Salsi, con tutto il suo punto G si è recata a Ballarò trasgredendo l'ordine imperativo di Grillo di non partecipazione a Talk Show.
 Il cielo si è aperto.
Si può solo immaginare la faccia del comico alla visione della sua consigliera in Tv.
Occhi sgranati, bava alla bocca e qualche imprecazione urlata.
Oggi ha vomitato il sacrilegio compiuto dalla Federica Salsi, verbalizzandolo nel suo Blog.
Beh, infondo il gene non è acqua. A suo tempo anche una certa Eva disubbidì. È intrinseco nelle donne.
E ora, dopo millenni, c'è sempre una donna che disubbidisce. La donna scopritrice del bene e del male, si presenta in televisione e frega tutti i suoi colleghi maschietti.
Mai avesse fatto atto più sacrilego.
E proprio dal sesso femminile inizia il rigetto dell'inquisitore Grillo che vomita dal suo blog: “Il punto G, quello che ti dà l'orgasmo nei salotti dei talk show”.

Titolo del post “il talk show ti uccide, digli di smettere”
È furente e disprezza l'apparizione di quella giovane donna a Ballarò, che vuole fare politica anche a modo suo. Con la sua presenza.
Grillo, come un esorcista, scrive parole magiche nel tentativo di liberare il movimento dal demonio: “Lì, in una gabbia di un circo, come su un trespolo, muto per ore, povera presenza rituale di cui si vuole solo lo scalpo, macellato come un agnello masochista, rispondi per i quattro minuti che ti sono concessi a domande preconfezionate poste da manichini al servizio dei partiti. - e in pieno stile Gabriele Amorth prosegue - Pretoriani dell'informazione il cui unico compito è perpetuare l'esistenza del Sistema attraverso l'ultimo strumento di mesmerismo mediatico rimastogli: la televisione. Lo share del programma aumenta, tutto merito tuo, trattato e esibito come un trofeo, come un alieno, una bestia rara e, contemporaneamente diminuisce il consenso per il Movimento a cui appartieni o dici di appartenere.
E via così di seguito.
Dopo qualche rigo parte l'esclamazione del lettore: “TU, sei forse un Dio???”
Certo che no, si risponde il lettore.
E allora, questo, perché si agita tanto?
Perché ama tenere il suo movimento sotto chiave, perché né detiene il controllo. Perché è ossessionato dal dominio di esso. Perché non vuole perdere il suo potere. Perché nulla può sfuggire dalla sua regia.

Disprezzo e rabbia sono l'ingrediente del post.
La dolce donzella è accusata di far evaporare con la sua presenza, i voti faticosamente guadagnati dagli attivisti.
Balle! Era tempo di gioire per la vittoria dice qualcuno.
Lei è indubbiamente una strega! Potrebbe meritare d'essere bruciata (metaforicamente) dal movimento.
È furente perché un punto G qualunque ha ignorato il suo diktat  È iroso e incontenibile perché qualcuno ha avuto il coraggio di contravvenire un ordine.
In quelle righe c'è l'intimidazione di chi avverte,”o dentro a modo mio, o fuori”.
C'è la volontà di umiliare e svergognare.
In quelle righe c'è tutto quello che un uomo non dovrebbe mai permettersi nei confronti di una donna, libera cittadina attivista.
Infondo da un capo movimento, fallace di politiche di genere e welfare che ti aspetti?
Che parli a una donna identificandola con il punto G... ovvio!

Alla fine della lettura, i lettore esausto, in linea con il movimento, esclama “ma vaffanculo” e con sorriso si complimenta: “Brava Federica! Hai dimostrato di avere ovaie d'acciaio.


Licenza Creative Commons
ripuliamoci by sabina barca is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at ripuliamoci.blogspot.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://ripuliamoci.blogspot.it/.

Nessun commento: