26 febbraio 2013

Politiche-reginali 2013. I giorni della sconfitta. La vergogna.


Di Sabina Barca
E' stata più o meno bastarda la giornata di ieri, perché ha palesato l'inadeguatezza del paese.
Noi italiani siamo inadeguati e incapaci di valutare perché siamo un popolo umorale e troppo emotivo.
Però 3 fattori si sono delineati con estrema chiarezza:
  1. Berlusconi resta un cult per molti italiani; 
  2. Bersani ha scazzato tutta la campagna elettorale (e manco doveva esserci) 
  3. Grillo se la gode come un porco con i bebè onorevoli/senatori. 
Per quanto riguarda la mia candidatura in Rivoluzione Civile, è ovvio che il mancato ingresso del movimento in Parlamento/Senato, mi ha procurato qualche prurito fastidioso.

Però, non mi ha turbato quanto la discesa di Bersani, la rimonta di Berlusconi e simultanea dispersione di Monti.

Sì, l'ambito Monti, quello tanto corteggiato. Il tizio tanto prezioso è scoppiato come una bolla di sapone, lasciando l'ombra della sua esistenza.

Affronterò i tre punti scavalcando subito il punto 1 cioè Berlusconi cult, perché giudico la sua rimonta, una diretta conseguenza della fallimentare campagna elettorale e del segretario inadatto Bersani e non sua bravura. Con un avversario come Bersani vincono tutti.

La questione la posso riduco così:


punto 2
durante le primarie il PD ha creato una gabbia per neutralizzare Renzi. Si sono fatti pali e paletti con barricate per impedire che il Renzi (a me non gradito) venisse eletto.

Motivo? La vittoria di Renzi metteva a rischio una buona parte della vetusta dirigenza del Pd. Chiamiamola operazione “legittima difesa” di Bersani, Rosi Bindi, Finocchiaro e tutta la deprimente compagnia.

Eletto Bersani (a gran furbata), si è passati alla eliminazione alleanze indisciplinate. Di Pietro è stato spazzato via con diversi metodi.
Arriva Vendola. Il Pd assoggetta il pugliese e lo dissangua annaquando ogni traccia di sinistra presente in Sel.

Oggi posso dire che il prezzo del biglietto d'ingresso in Parlamento/Senato, offerto dal Pd e pagato da Vendola, è altissimo. Lo dicono i numeri.

Il Pd ha distrutto ogni possibilità di dignitoso riscatto. Le scelte non scelte di Bersani sono state strada libera e facile per Berlusconi.
L'eliminazione di quelle ali, considerate di estrema sinistra, ha ridotto l'elettorato a scegliere persone più decise e forti. Il Partito Democratico per salvare capra e cavoli (bipolarismo, poltrone e Berlusconi) ha oscurato tutto quello che non era gestibile/controllabile dai dinosauri.

Il Partito Democratico ha scelto sempre a sua immagine e somiglianza il candidato regionale (tanto caruccio ma floscio) Ambrosoli, segnando così anche la sconfitta della regione Lombardia a favore della Lega Nord di Maroni.

È indubbiamente il partito del compromesso a tutto campo per la salvaguardia di potere e potentati.

Mi sento di aggiungere che non si indichi Rivoluzione Civile come responsabile della dispersione dei voti che sono stati dissolti, per intrinseco metodo autodistruttivo nel Pd.
Hanno deliberatamente ignorato il movimento5stelle. Stupidi illusi e lontani dalla realtà che li circonda.
Adesso, cercano di governare. Pd Sel e Pdl... con i Grilli che marcano uomo. Sarà una tempesta di cacca molle che rischia di sommergerli.

Punto 3 Grillo
Grillo è chiaro che non è più l'incognita ma piuttosto l'incubo sbarcato a Roma.

Non mi ha stupito il risultato del m5s, anzi, da osservatrice ad un certo punto ho temuto il peggio. In effetti da più parti, mi erano pervenuti dati esteri che davano il m5s da 42% a 47%. In secondo tempo ho saputo che il dato si riferiva a elettori di età 18/25 anni. Quello che fa specie e che tutti cadono dal pero! (ciechi e sordi?)

Non vi è dubbio che la competizione politica con loro è davvero piccante.
Alcune osservazioni.
Contesto da tempo il movimento in quanto divulgatore di democrazia non applicata. Sostanzialmente i gruppi territoriali si muovono in sintonia dell'umore di Grillo. Sono apparentemente liberi. A tutti gli effetti però subiscono ogni azione e/o dichiarazione del comico, senza nessun avvertimento o consultazione con i militanti. Lui dice e gli altri si adeguano. In più, attraverso gli articoli giornalieri del blog di Grillo, vengono dettate le linee guida che incredibilmente, senza alcun senso critico, vengono seguite e applicate.

Alcune curiosità a 5S
Al momento abbiamo beby onorevoli neo eletti che vivono ancora con i genitori. Fa sorridere che onorevoli/senatori si occupano del paese mentre ancora non hanno sperimentato la gestione di se stessi. Va beh, la giovinezza non è un crimine. Cresceranno girando per camera e senato.

Alcune curiosità. La maggior parte dei neo eletti parlamentari, hanno ripulito il profilo fb da foto che li ritraeva in festini universitari allegri e sculacciati. Non sono moralista ma è evidente che è già iniziata la trasformazione.

Il movimento non si fa mancare nulla. Ha anche lui il suo piccolo conflitto d'interesse.
Maurizio Benzi (VEDI) si occupa di strategie di Rete in Casaleggio Associati ed è candidato alla Camera nella lista Lombardia 3. Non ho verificato se è passato (fatelo voi). Quindi anche Casaleggio ha o avrà il suo ometto in parlamento.
Poi c'è quella curiosa combinazione, o botta di culo per alcuni, capitata a Latina.
A Latina Silvana Simeoni (VEDI) infermiera operativa al 118 è stata eletta al Senato, mentre il figlio Cristian Iannuzzi (VEDI), disoccupato con la passione dell'informatica è stato eletto alla Camera. È il caso di dire: e vissero tutti felici ed eletti.

Ora che Maroni ha vinto la Lombardia credo che mi prenderò una pausa di riflessione.
Se fossi in Bersani farei la stessa cosa.
Lui che seleziona i candidati stile chierichetto con voci bianche non ha ancora capito una mazza degli italiani.

Da destra a sinistra vogliono uomini di polso al comando, uomini che fanno sentire il testosterone e che non hanno paura di mostrare la tempra. Insomma, l'italiano vuole votare un uomo che sappia decidere comandare e al momento giusto incazzarsi. Bersani purtroppo non ha sfondato e non sfonderà mai... nonostante l'aiuto di Crozza. Quando parla (vedi conf stampa di oggi) è davvero incomprensibile. Pensare che parla al paese. :(
Si dessero tutti una mossa ... serve lavoro

P.S. 
Non mi piace l'imitazione di Ingroia fatta da Crozza. Svilisce un uomo che per 30 anni ha lottato contro la mafia. l'imitazione concentra l'attenzione sull'indolenza meridionale (luogo comune) svilendo la carriera precedente di Ingroia. La storia che i siciliani non amano lavorare ha rotto.


Licenza Creative Commons
ripuliamoci by sabina barca is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at ripuliamoci.blogspot.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://ripuliamoci.blogspot.it/.

Nessun commento: