18 febbraio 2013

Perché votare Rivoluzione Civile? Mo te lo spiego ...



Votare Rivoluzione Civile e liberatorio perché si esce dal ricatto del voto di sinistra.
C'è un pensiero che esige il voto per non far vincere “quello di destra”.
E come se durante una partita, per non far vincere l'avversario, pretendi i goal di un'altra squadra, la stessa che denigri e ridicolizzi. Si è mai vista una partita simile?
Il fatto è che si propone ancora il bipolarismo, ormai fallito dell'alternanza (un po noi, un po voi... e poi volemoce bene). Ma non funzia più.

Votare Rivoluzione Civile significa uscire dagli schemi preordinati e confezionati del “mi devi il voto altrimenti fai una bastardata”.
Ma soprattutto:
significa basta grandi opere (qualcuno ha riesumato il ponte di Messina) perchè l'Italia ha bisogno di piccole opere di manutenzione, di recupero edilizio, che consente lavoro a piccole imprese; grandi opere vuol dire bandi confezionati ad hoc per poche grandi imprese;
significa, basta vessare le categorie più povere ma tassazione ai più ricchi,
significa rifinanziare la scuola pubblica perché l'istruzione è un diritto di tutti;
significa abolizione delle provincie e riesumazione del decreto imboscato da Monti;
significa rivedere completamente la riforma pensionistica che consente l'inesorabile impoverimento di pensionati e disabili;
significa basta con gli scialacqui della politica e con le pensioni d'oro, un vero insulto per milioni di italiani in soglia di povertà;
significa ridurre drasticamente gli stipendi dei dirigenti pubblici;
significa blocco dell'acquisto degli F-35 motivata da l'esca dei posti di lavoro che non esistono;
significa abolizione del Fiscal Compact chiamato anche “trattato sulla stabilità”, di chi e tutto da capire (non nostra);
significa la reintroduzione dell'Art. 18 perché è in atto un vera destrutturazione del diritto del lavoratore.
Oggi si crea lavoro licenziando. 100 posti di lavoro devono bastare per 1000. A tempo, a turnazione tutti lavoreranno... per tre mesi. In Italia e in Europa si è creato il lavoro in batteria. Sotto i prossimi 100 dei prossimi 3 mesi.

Votare Rivoluzione Civile significa istituire un salario minimo;
significa far pagare l'Imu anche alla Chiesa (e su questo stendo un velo pietoso)
significa matrimonio e adozione gay
Votare Rivoluzione Civile significa persone che non si vergognano di essere di sinistra, che fanno politiche di sinistra e che non tengono ai piedi scarpe diverse, mostrandosi un po' carne e un po' pesce, ma soprattutto non rinnegano/vergognano la provenienza!
Votare per Rivoluzione civile significa tutela del territorio:
Rivoluzione Civile non elemosina voti alla Chiesa perché crede in uno Stato laico;

Votare Rivoluzione Civile significa lotta contro la corruzione, le mafie politiche e imprenditoriali, e con Ingroia non c'è migliorE testimonianza di lotta contro il malaffare mafioso.

Rivoluzione Civile è la vera novità di sinistra perché quelli che promettono l'impossibile ora, sono seduti a Roma da 30 anni e sono artefici del declino di questo paese.


... e voto su voto... arriveremo a Roma … malgrado loro …

Sabina Barca




Licenza Creative Commons
ripuliamoci by sabina barca is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at ripuliamoci.blogspot.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://ripuliamoci.blogspot.it/.

Nessun commento: